Call Us Icon +39 0536 68696  Contact Us Icon Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

I nostri Sponsor

11banner-sponsor-disponibile.jpg08banner-sponsor-ristoro-sciatore.jpg06banner-sponsor-az-agr-via-romea.jpg09banner-sponsor-unipol.jpg01banner-sponsor-cimone-sci.jpg10banner-sponsor-marmi-bettini.jpg03banner-sponsor-bernardi.jpg05banner-sponsor-sole.jpg07banner-sponsor-cimone-holidays.jpg

Nuova mostra alle Cantine degli Scolopi, ovvero il nostro Ufficio Turistico.

Dall' 8 dicembre 2023 al 31 gennaio 2024 ci sarà la mostra "Broken Promises", una mostra dedicata al conflitto Russo- Ucraino realizzata da Alfredo Bosco.

L' intervento armato della Russia in Ucraina del 24 febbraio 2022 rappresenta, di fatto, il primo conflitto di carattere globale cui assistiamo dalla caduta del Muro di Berlino e dalla fine della cosiddetta “guerra fredda”.
Una guerra globale (e non più solo mondiale) in quanto le conseguenze negative che si sono via via sprigionate non riguardano solo chi è direttamente coinvolto nel conflitto ma si estendono anche ai paesi non dichiaratamente belligeranti.

Si pensi, ad esempio, alla carenza di cibo che si è venuta a creare nei paesi più poveri del mondo a seguito del blocco dei traffici marittimi e terrestri di cereali e fertilizzanti che hanno finito per trasformare la fame in una vera e propria arma indirettamente puntata verso chi viene considerato come “nemico” o, ancora, alle forniture di energia adoperate sin dall'inizio del conflitto come strumento di ricatto politico.

Ma questa guerra ha rappresentato e rappresenta tuttora la dimostrazione 
tragica di come la “promessa” fattaci da tanti studiosi, economisti ed opinionisti negli ultimi cinquantanni secondo cui il processo di globalizzazione in realtà “servisse la causa della pace” si è drammaticamente infranta dinanzi alla realtà dei fatti: la globalizzazione, come scrive Stefano Zamagni, non fa che “aumentare le disuguaglianze sociali sia tra paesi sia tra le classi sociali entro un medesimo paese... Di qui l'impulso all' insorgenza di conflitti armati” e la percezione che solamente l'uso della forza e della violenza possano modificare l'esistente a proprio esclusivo vantaggio.

Ma per coloro i quali la subiscono, la guerra rappresenta la rottura di un 
equilibrio e di una normalità spesso faticosamente raggiunti. La quiete che si interrompe improvvisamente, le vite di qualunque età che si spezzano tragicamente, il fango e le macerie, gli interni delle abitazioni squassate dai bombardamenti, i ricordi sparsi e confusi.

A oltre diciotto mesi dallo scoppio del conflitto tra Russia ed Ucraina abbiamo 
deciso che fosse giunto il momento di mantenere viva l'attenzione su quanto è accaduto ed accade quotidianamente in luoghi non tanto distanti da noi, provando a tessere un racconto fatto di immagini raccolte da chi la guerra l'ha vista e l'ha vissuta a diretto contatto con la popolazione ucraina.

Il panico, la paura, il vuoto e l'incertezza sono i sentimenti che Alfredo 
Bosco, fotoreporter freelance di origini pugliesi, ha raccolto e documentato viaggiando nel territorio ucraino, ascoltando e fotografando la popolazione civile da Lviv fino al Donbass.

Alfredo Bosco ci mostra, attraverso gli scatti selezionati ed esposti, la 
realtà degli eventi concentrandosi sulla rottura della quiete piuttosto che sulla brutalità della guerra “per poter permettere – scrive - a chi è lontano di sentire i rumori e le sensazioni che si provano in questo disastro che non sta vedendo una fine”.


Alfredo Bosco è un fotografo freelance che vive e lavora a Milano. Inizia a lavorare come fotoreporter nel 2010 documentando il terremoto di Haiti; nel 2015 ha coperto la criminalità e la vita quotidiana a Caracas; nel 2016 il racket dell' eroina in Kirghizistan e nel 2017 le manifestazioni Nuit Debout e Justice pour Theo a Parigi.

Dal 2011 al 2014 è stato collaboratore dell' agenzia fotografica SGP di Milano lavorando per clienti commerciali e grandi griffe della moda. A partire dal 2014 lavora a un progetto a lungo termine

sulla guerra civile in Donbass.

Ha ricevuto la Menzione Fnac TPW 2011 per il suo reportage sulla gioventù locale di Tashkent sotto la dittatura di Karimov. Nel 2015 è stato selezionato da Lensculture come uno dei 50 migliori talenti emergenti al mondo. Nel 2018 il suo progetto Donbass: No Man's Land è stato selezionato al Lumix Festival of Young Photojournalism .

Da febbraio 2022 si occupa del conflitto in Ucraina collaborando per varie riviste e quotidiani italiani anche come inviato per il programma “Tagadà” su La7.
Anche ad 8 e mezzo, dalla Gruber.


Broken Promises


Oggi a Fanano

Non ci sono eventi Oggi

Agenda Appuntamenti

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29

L'Ufficio Turistico

APT FANANO
IAT del Cimone
Punto Informativo di Fanano

ORARI APERTURA
  • Luglio e Agosto
  • Tutti i Giorni
  • 09:30 - 12:30
  • 16:00 - 19:00
  • Tutti gli altri mesi
  • Lunedì e Giovedi: Chiuso
  • 09:30 - 12:30
  • 16:00 - 18:30

 

CONTATTI

Ufficio Turistico di Fanano


FANANO E' | APT Fanano - IAT del Cimone
+39 0536 68696
info@fanano.eu
Via Marconi, 1
41021 Fanano (Modena) Italy

ORARI APERTURA
  • Luglio e Agosto
  • Tutti i Giorni
  • 09:30 - 12:30
  • 16:00 - 19:00
  • Tutti gli altri mesi
  • Lunedì e Giovedi: Chiuso
  • 09:30 - 12:30
  • 16:00 - 18:30

Iscriviti alla Newsletter

resta sempre aggiornato, potrai cancellarti in qualsiasi momento

In evidenza

CREDITI

Foto Archivio "Valli del Cimone"
by Roberto Leoni*
*ove non diversamente riportato.